Considerazioni sulla presenza dei modelli classici nella narrazione storica di Bartolomeo Facio

Main Article Content

Giancarlo Abbamonte

Abstract

I Rerum gestarum Alphonsi regis libri decem di Bartolomeo Facio sono un'opera che racconta eventi della storia contemporanea all'autore: accanto alle fonti dell'epoca, da cui traeva informazioni sugli episodi storici descritti, Facio spesso costruisce la narrazione utilizzando modelli di autori classici. La tipologia di reimpiego dei classici è molteplice: ora Facio si limita alla ripresa innocua di una citazione ciceroniana in un discorso di re Alfonso; nella Praefatio riecheggia gli argomenti enunciati da Livio all'inizio della sua opera, mescolati al noto giudizio ciceroniano sullo stile di Cesare; nelle vicende dell'assedio di Gerba e del ritorno a Trapani Facio trasforma i nemici berberi di Alfonso in Cartaginesi, mentre la sosta forzata del re Aragonese a Trapani per una bonaccia gli permette di istituire un paragone ben dissimulato con l'episodio della sosta di Enea a Trapani/Drepanum nel quinto libro dell'Eneide.

 

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Abbamonte, G. (2011). Considerazioni sulla presenza dei modelli classici nella narrazione storica di Bartolomeo Facio. Reti Medievali Rivista, 12(1), 107-130. https://doi.org/10.6092/1593-2214/301
Sezione
Saggi