Matilde, Edgith e Adelaide: scontri generazionali e dotari delle regine in Germania

Main Article Content

Giovanni Isabella

Abstract

Attraverso la ricostruzione della consistenza patrimoniale e della dislocazione territoriale dei beni che costituivano i dotari delle prime tre regine della dinastia ottoniana è possibile constatare la notevole importanza di tali beni sia per la loro cospicua estensione sia per la rilevante funzione strategica dovuta alla loro collocazione. Già Enrico I, il primo re della dinastia, dotò sua moglie Matilde con numerose curtes che appartenevano alla zona di più antico e forte radicamento della famiglia ottoniana, cioè la Sassonia orientale e la Turingia. Proprio il controllo di questi importanti beni fu la causa dello scontro fra Matilde e suo figlio Ottone I quando nel 938 la madre appoggiò le pretese al trono del figlio minore Enrico durante una rivolta contro Ottone. Il dotario di Edgith, la prima moglie di Ottone, era costituito dall'ampia curtis di Magdeburgo, che divenne luogo di grande rilevanza simbolica e politica grazie alla sepoltura della coppia regia e per la sua elevazione ad arcidiocesi cui fu affidato l'inquadramento dei territori slavi a est dell'Elba. L'insieme dei beni concessi in Germania da Ottone ad Adelaide, la sua seconda moglie, è di difficile ricostruzione nel dettaglio, ma era sicuramente di grande ampiezza in continuità con il dotario di Matilde, anche se rispetto a questo le curtes erano dislocate su un territorio più vasto comprendente sia la Sassonia orientale e la Turingia, sia l'Alsazia e la Franconia.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Isabella, G. (2012). Matilde, Edgith e Adelaide: scontri generazionali e dotari delle regine in Germania. Reti Medievali Rivista, 13(2), 203-245. https://doi.org/10.6092/1593-2214/368
Sezione
Saggi in Sezione monografica

Articoli più letti dello stesso autore(i)