«Prescindendo dai versi di Dante»? Un percorso negli studi tra testi, biografia e documenti

Main Article Content

Giuliano Milani
Antonio Montefusco

Abstract

L’articolo si concentra sul posto che i documenti raccolti nel Codice diplomatico dantesco ha avuto nella storia degli studi danteschi nell’arco dell’ultimo secolo. Questa storia è scandita in tre quadri, il primo incentrato sul centenario del 1921 e sulla figura di Michele Barbi; la seconda fase, dominata da Gianfranco Contini, è collocata intorno al centenario della morte nel 1965; l’ultima fase è quella più recente. Il rapporto degli studiosi con i documenti è stato incostante, ed è cambiato in relazione a fattori molteplici, tra cui il rapporto tra i vari campi disciplinari e le generazioni degli studiosi e il loro rapporto reciproco, anche politico. Sulla base del nuovo interesse per le fonti documentarie che emerge negli studî più recenti, gli autori propongono di tornare a studiare più da vicino e con strumenti nuovi i documenti che riguardano Dante e la sua famiglia, cercando di fare attenzione a non far interferire troppo lo studio dei documenti con l’autonarrazione che Dante propone della sua biografia.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Milani, G., & Montefusco, A. (2014). «Prescindendo dai versi di Dante»? Un percorso negli studi tra testi, biografia e documenti. Reti Medievali Rivista, 15(2), 167-188. https://doi.org/10.6092/1593-2214/429
Sezione
Saggi in Sezione monografica

Articoli più letti dello stesso autore(i)