Exploring minor clerics in early medieval Tuscany

Main Article Content

Rachel Stone

Abstract

Il saggio intende fornire una panoramica sui chierici minori nelle fonti di età carolingia, che, a partire dai capitolari episcopali, mostrano un ruolo assai più rilevante in area italica rispetto alle coeve dinamiche osservabili sul suolo francese. Tra le fonti, sono soprattutto le carte – dettagliatamente analizzate – provenienti dall’archivio del monastero di San Salvatore al Monte Amiata a mostrare una consistente presenza di clerici. Essi appaiono generalmente come un gruppo a forte radicamento rurale, differenziato al proprio interno secondo livelli non omogenei di educazione e alfabetizzazione, ma di una qualche eminenza sociale in ambito locale e con larga presenza di individui adulti con prole. La prevalenza di quest’ultima, ampia fascia di clerici potrebbe essere correlata alla struttura delle pievi dell’Italia centro-settentrionale e alle modalità di trasmissione dell’ufficio ecclesiastico che esse presentavano secondo la linea padre/figlio e zio/nipote. Tra le altre cose, sarà proprio l’appannamento di una netta divisione di status laico/ecclesiastico a preoccupare, inducendo a trovare soluzioni, i riformatori che, nel secolo XI, giungeranno in Italia da altre regioni dell’Europa occidentale.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Stone, R. (2017). Exploring minor clerics in early medieval Tuscany. Reti Medievali Rivista, 18(1), 67-97. https://doi.org/10.6092/1593-2214/5076
Sezione
Saggi