«Ardua negotia». Strumenti ordinari e straordinari nelle istituzioni fiorentine al tempo di Dante

Main Article Content

Lorenzo Tanzini

Abstract

Tra XIII e XIV il comune di Firenze possedeva regole sul funzionamento ordinario delle istituzioni ma anche strumenti straordinari per rispondere a esigenze eccezionali. Tali strumenti erano impiegati in deroga alle regole per prendere decisioni più velocemente, nominare di commissioni speciali o attingere a risorse finanziarie più ampie di quanto previsto dagli statuti. Un lessico specifico rendeva l’eccezione visibile e in una certa misura circoscritta. Il saggio intende studiare le caratteristiche del linguaggio della straordinarietà come punto d’incontro tra vita delle istituzioni e storia della cultura politica.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Tanzini, L. (2017). «Ardua negotia». Strumenti ordinari e straordinari nelle istituzioni fiorentine al tempo di Dante. Reti Medievali Rivista, 18(1), 327-343. https://doi.org/10.6092/1593-2214/5100
Sezione
Saggi in Sezione monografica