Firenze, 1300-1301. Compagni e Villani (con i loro lettori) a Santa Trìnita e il «cacciare con molta offensione» (If 6, 66)

Elisa Brilli

Abstract


Il saggio esamina i racconti del “biennio bianco” 1300-1301 di Dino Compagni e Giovanni Villani, e dei loro lettori e interpreti, dalle riscritture di Leonardo Bruni, Niccolò Machiavelli e Scipione Ammirato fino agli studi di Isidoro Del Lungo e Robert Davidsohn. L’esame e il confronto con altre cronache minori del XIV secolo (si veda «Reti Medievali - Rivista», 17 [2016], 2, 113-151) conduce a una nuova lettura di queste testimonianze, che rende conto delle evasività del racconto di Dino Compagni e rilegge non solo il senso complessivo di questa fase storica ma anche quello specifico del riferimento a questi fatti da parte di Dante nel canto VI dell’Inferno.


Keyword


Dante Alighieri; politica; Dino Compagni; Giovanni Villani; Bianchi; Neri; Santa Trìnita; Marchionne di Coppo Stefani; Leonardo Bruni; Niccolò Machiavelli; Scipione Ammirato; Isidoro Del Lungo; Robert Davidsohn; storiografia

Full Text

PDF-IT


DOI: http://dx.doi.org/10.6092/1593-2214/5101

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
I cookie utilizzati servono al corretto funzionamento del sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookie.
Per maggiori informazioni.


logo FUP

RM Rivista è edita da Firenze University Press, realizzata con Open Journal System e pubblicata dal Centro di Ateneo per le Biblioteche dell'Università di Napoli Federico II. | Direttore responsabile: Andrea Zorzi | ISSN 1593-2214 | © 2000 | Registrazione: Cancelleria del Tribunale di Firenze, n° 5542, 27/12/2006