Monache e assistenza all’infanzia: l’orfanotrofio dei Santi Quattro Coronati nel XVI secolo

Main Article Content

Alessia Lirosi

Abstract

Nei primi decenni del XVI secolo prese corpo nella città di Roma una vasta opera di protezione e recupero della marginalità femminile, che si esplicò nella creazione di specifici istituti destinati a custodire bambine e ragazze, per nutrirle, educarle e soprattutto per proteggerne l’onore e l’onestà. Tali strutture vennero gestite a volte da monache, a volte da oblate o da altre sanctimoniales, ma anche da laiche. Fu in questo contesto che sorse l’orfanotrofio dei Santi Quattro Coronati per accogliere le orfane romane, affidate a un gruppo di terziarie agostiniane. Citato in vario modo nei documenti e a volte confuso con i conservatori, l’istituto assunse presto la fisionomia di un monastero di clausura, seguendo tuttavia norme meno rigide e godendo di maggiori concessioni rispetto alle comunità monastiche coeve.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Lirosi, A. (2018). Monache e assistenza all’infanzia: l’orfanotrofio dei Santi Quattro Coronati nel XVI secolo. Reti Medievali Rivista, 19(1), 517-535. https://doi.org/10.6092/1593-2214/5640
Sezione
Saggi in Sezione monografica