Tra cure domestiche, sentimenti e politica. La corrispondenza di Bianca Maria Visconti (1450-1468)

Main Article Content

Maria Nadia Covini

Abstract

Bianca Maria Visconti, duchessa di Milano, lasciò una enorme quantità di corrispondenza depositata negli archivi milanesi, sia di carattere privato, sia pubblico e politico. Il suo coinvolgimento negli affari di stato non si limitò ai brevi periodi di reggenza, e grazie a un manipolo di segretari esperti e fedeli, che erano una parte della sua vasta «domus», potè dialogare a distanza con molti interlocutori: membri della sua famiglia e parenti, cortigiani devoti, nobili amici, e con con tutti coloro che facevano parte del suo personale reticolo di protetti e fedeli: dame di corte, servitori, fornitori, ecclesiastici e anche persone umili che si affidavano alla sua protezione. In particolare, viene qui riconsiderata e riletta la corrispondenza degli ultimi mesi di vita con il figlio duca Galeazzo Maria Sforza: da queste lettere traspare la profondità degli affetti tanto quanto il duro scontro tra i due principi circa la conduzione degli affari di stato. Alcune osservazioni sono infine dedicate allo stile, agli schemi di scrittura, alle soluzioni letterarie: per esempio, l’uso dell’autografia come mezzo per stabilire un contatto più intimo con il corrispondente.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Covini, M. (2009). Tra cure domestiche, sentimenti e politica. La corrispondenza di Bianca Maria Visconti (1450-1468). Reti Medievali Rivista, 10(1), 315-349. https://doi.org/10.6092/1593-2214/80
Fascicolo
Sezione
Saggi in Sezione monografica