Le scritture delle universitates meridionali. Produzione e conservazione

Main Article Content

Francesco Senatore

Abstract

L’intervento presenta una classificazione empirica delle scritture prodotte e conservate dalle universitates dell’Italia meridionale tra basso Medioevo ed età moderna. Le categorie, mutuate dal linguaggio del tempo, sono tre: i privilegi (atti emanati dall’autorità regia, cittadina o feudale da cui dipende l’universitas), le cautele (atti prodotti per l’universitas con effetti legali), le scritture (atti prodotti dall’universitas per la sua attività amministrativa). Soltanto gli atti della prima categoria, che pure non erano prodotti dall’universitas, furono conservati con cura e con efficacia. Esisteva un continuum documentario e politico tra autorità centrale e università, che non vanno contrapposte tra loro secondo lo schema centro/periferia. Ad esempio, la preminenza di un singolo o di una famiglia in un’universitas demaniale non può prescindere dal collegamento con la Corte regia. In appendice vengono pubblicati due documenti della città di Capua, demaniale: l’autentica giudiziaria di un libretto contenente i privilegi cittadini (1480); il privilegio di cittadinanza concesso da Capua a Antonio Carafa, conte di Rocca di Mondragone (1516).

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Senatore, F. (2008). Le scritture delle universitates meridionali. Produzione e conservazione. Reti Medievali Rivista, 9(1), Art. #19. https://doi.org/10.6092/1593-2214/108
Fascicolo
Sezione
Saggi in Sezione monografica