Guardiani della soglia. I Frati Minori come garanti del perimetro sociale (XIII secolo)

Main Article Content

Giacomo Todeschini

Abstract

Il contributo indaga il ruolo dei Minori nella pacificazione della civitas. Il carisma dei frati minori si presentava come antidoto allo scandalum e premessa alla riammissione della cittadinanza all’interno del circuito della fides. Tale speciale attitudine, che sin dalle origini fu utilizzata dai testi francescani per comprovare la santità dei fratres, viene ricondotta alla loro capacità di proporsi come efficaci mediatori civici pur costituendo un gruppo religioso, poi un Ordine, il cui tratto di identificazione era dato dall’inferiorità ecclesiologica e sociale (minoritas). Le ragioni di un simile atteggiamento vengono ricondotte alla capacità politica dei Minori di sperimentare la propria prossimità al potere ecclesiale e cittadino raccordandola con la sperimentazione del perimetro della civitas, evidente sin dall’ubicazione dei primi insediamenti: sotto il profilo sociale, tale sperimentazione si tradusse in un contatto con i pauperes, i marginali e gli infami. I Minori divennero in tal modo un elemento di composizione di poli sociali distinti, riuscendo a mediare il rapporto tra fama e infamia, tra potentes e pauperes.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Todeschini, G. (2007). Guardiani della soglia. I Frati Minori come garanti del perimetro sociale (XIII secolo). Reti Medievali Rivista, 8(1), Art. #4. https://doi.org/10.6092/1593-2214/124
Fascicolo
Sezione
Saggi

Articoli più letti dello stesso autore(i)