Castrum Persiceta. Potere e territorio in uno spazio di frontiera dal secolo VI al IX

Main Article Content

Igor Santos Salazar

Abstract

Si intende interpretare, partendo dagli spunti offerti dalla recente storiografia sulla nozione di confine, il territorio di frontiera tra il regnum Langobardorum e l’Esarcato bizantino d’Italia: oggetto della ricerca è il gruppo di castra emiliani a ridosso delle terre del regnum citati dalle fonti nel secolo VIII, e in modo particolare l’esempio offerto dal castrum Persiceta. L’analisi chiarisce come la frontiera costituisse un ambito di confine labile, un’area di separazione politica, e cerca di offrire una lettura che, attraverso l’analisi dei processi di lunga durata, metta in evidenza la specificità dei castra quali unità di inquadramento della popolazione e quali sedi d’interlocuzione tra poteri locali e strutture politiche centrali nei secoli V-IX.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Santos Salazar, I. (2006). Castrum Persiceta. Potere e territorio in uno spazio di frontiera dal secolo VI al IX. Reti Medievali Rivista, 7(1), Art. #13. https://doi.org/10.6092/1593-2214/166
Sezione
Saggi in Sezione monografica